Medicina di frontiera

NanoViricides, Inc. è un'azienda leader a livello mondiale nell'applicazione delle tecnologie della nanomedicina ai complessi problemi delle malattie virali. La tecnologia nanoviricide® consente attacchi diretti in più punti su una particella di virus. Si ritiene che tali attacchi porterebbero la particella virale a diventare inefficace nell'infettare le cellule. Gli anticorpi al contrario attaccano una particella virale solo in un massimo di due punti di attacco per anticorpo. Inoltre, la tecnologia nanoviricide consente anche di attaccare simultaneamente la rapida riproduzione intracellulare del virus incorporando uno o più principi farmaceutici attivi (API) all'interno del nucleo del nanoviricide. La tecnologia nanoviricide è l'unica tecnologia al mondo, al meglio delle nostre conoscenze, in grado di (a) attaccare virus extracellulari,

Le nostre terapie antivirali, che chiamiamo "nanoviricides®", sono progettate per apparire al virus come la superficie della cellula ospite nativa a cui si lega. Poiché questi siti di legame per un determinato virus non cambiano nonostante le mutazioni e altri cambiamenti nel virus, riteniamo che i nostri farmaci saranno ad ampio spettro, ovvero efficaci contro la maggior parte, se non tutti i ceppi, tipi o sottotipi, di un determinato virus, a condizione che la parte del nanoviricida che lega il virus sia progettata in modo appropriato. I virus non sarebbero in grado di sfuggire al nanoviricida a causa delle mutazioni virali poiché continuano a legarsi allo stesso recettore cellulare e quindi verrebbero catturati dal nanoviricida. La fuga del virus per mutazione è un grave problema nel trattamento delle malattie virali mediante l'uso di farmaci convenzionali.

     Tecnologia della piattaforma versatile

Un nanoviricida viene creato attaccando chimicamente un ligando legante il virus, derivato dal sito di legame del virus sul suo recettore sulla superficie cellulare, a un polimero flessibile nanomicellare. Questo sito di legame non cambia in modo significativo quando un virus muta

Progettazione e selezione su misura di (1) il ligando che lega il virus; e (2) la spina dorsale "nanomicelle", separatamente, ci consente di ottimizzare rapidamente i farmaci candidati (a) contro un certo numero di virus; (b) per le caratteristiche farmacocinetiche desiderate (ad es. effetto prolungato); e (c) per diverse vie di somministrazione. Questa versatilità non ha eguali nel settore.

Nanovirici virus-specificisono stati creati contro virus importanti come HIV, influenza e influenza aviaria scegliendo ligandi altamente virus-specifici

Nanovirici ad ampio spettrosono stati creati che possono legarsi forse fino al 90-95% dei virus conosciuti. L'azienda sta sviluppando nanoviricidi ad ampio spettro per combattere diverse malattie tropicali trascurate, come la dengue, la rabbia e l'ebola/marburg. Questo è simile agli antibiotici come la penicillina contro i batteri che sfruttano una caratteristica comune a tutti i batteri.

 

COVID-19 come entità separata della malattia: perché il corpo reagisce in modo diverso alla SARS-CoV-2 rispetto ai precedenti coronavirus

Christoph Renninger Medscape 4 giugno 2021

I ricercatori hanno scoperto molto sull'epidemiologia della SARS-CoV-2 negli ultimi mesi, ma il complesso quadro clinico del COVID-19 solleva una serie di domande. Ecco perché il dott. Marcin F. Osuchowski del Ludwig Boltzmann Institute for Experimental and Clinical Traumatology, insieme ai colleghi, ha setacciato la letteratura scientifica. L'articolo di revisione su The Lancet suggerisce che il virus ha un particolare profilo di infezione e che il COVID-19 è un'entità medica separata [ 1 ] .

Proprietà speciali di SARS-CoV-2

Ora ci sono prove crescenti che SARS-CoV-2 infetti sia il tratto respiratorio superiore che quello inferiore. Ciò è sorprendente, perché i coronavirus umani, noti per causare raffreddori, in genere colonizzano il tratto respiratorio superiore. I coronavirus altamente patogeni come SARS e MERS colpiscono principalmente il tratto respiratorio inferiore.

La replicazione nella gola e nella faringe, anche durante la fase presintomatica, gioca un ruolo importante nello spiegare la trasferibilità relativamente alta di SARS-CoV-2. La ricerca mostra che nei pazienti con COVID-19, la carica virale nei campioni respiratori è maggiore rispetto a SARS e MERS. Raggiunge un massimo di 3-5 giorni prima dell'inizio dei sintomi: significativamente prima rispetto a SARS o MERS. Tutti e 3 i virus hanno una risposta immunitaria umorale simile a breve termine.

Quanto durerà l'immunità a SARS-CoV-2 al momento non è chiaro. Ci sono prove che la memoria immunologica persiste per 6 mesi. L'immunità delle cellule T può essere molto più lunga. Nel caso della SARS, la reattività dei linfociti T potrebbe essere dimostrata fino a 17 anni dopo l'infezione.

 

Insufficienza cardiaca: linee guida aggiornate in attesa - Quali farmaci sono i candidati

Dott. Susanne Heinzl  aprile 2021

La Società Europea di Cardiologia (ESC) presenterà le linee guida aggiornate per il trattamento dello scompenso cardiaco in estate. Prof. Dr. Michael Boehm , Medicina Interna II, Ospedale universitario del Saarland, Homburg / Saar, ha presentato in occasione dell'incontro annuale virtuale della German Cardiac Society il 7 aprile 2021 potenziali innovazioni rispetto alle linee guida attualmente applicabili del 2016 prima [ 1 ] .

La logica delle linee guida ESC 2016 era principalmente quella di inibire l'attivazione neuroendocrina nell'insufficienza cardiaca, che porta alla progressione della malattia. A tale scopo vengono utilizzati ACE-inibitori, bloccanti del recettore dell'angiotensina (ARB), beta-bloccanti, antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi (MRA) e inibitori del recettore dell'angiotensina della neprilisina (ARNI).

Nel frattempo, tuttavia, ci sono studi su nuovi approcci terapeutici che contribuiranno a un cambiamento significativo in queste linee guida.

Inibitori SGLT-2

Perché: sia lo studio DAPA-HF con dapagliflozin che lo studio EMPEROR-Reduced con empagliflozin hanno dimostrato che l'inibizione del co-trasportatore sodio-glucosio 2 (SGLT2) in pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta con o senza diabete il rischio combinato di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

Inoltre, queste sostanze possono arrestare il deterioramento della funzione renale e ridurre l'incidenza del diabete di tipo 2 nei non diabetici.

Secondo Boehm, gli effetti delle gliflozine sulla pressione sanguigna sono piccoli e diminuiscono anche nel tempo, forse attraverso un miglioramento dell'insufficienza cardiaca. Pertanto, la terapia non deve essere sospesa neanche ai pazienti con pressione sanguigna bassa.

Nel complesso, secondo Boehm, le gliflozine per il trattamento dell'insufficienza cardiaca dovrebbero ricevere una raccomandazione di Classe Ia basata sulle prove disponibili.

 

 

LA NUOVA FRONTIERA DELLA TERAPIA DELL’ARTERIOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI

LA COMBINAZIONE DI BASSE DOSI DI RIVAROXABAN CON ASPIRINA

Si stima che più di 200 milioni di persone al mondo soffrano di arteriopatia degli arti inferiori. Sebbene l’arteriopatia degli arti inferiori condivida con la coronaropatia e con l’ischemia cerebrale il terreno predisponente dell’arteriosclerosi, si fa crescente l’evidenza che essa rappresenti una connotazione peculiare della malattia aterosclerotica, caratterizzata da un alto rischio non solo di complicazioni a carico degli arti, ma anche di eventi avversi cardiovascolari. Merita, poi, rilievo il fatto che la rivascolarizzazione chirurgica, anche se migliora la sintomatologia della maggior parte dei pazienti, non impedisce che molti sviluppino successivamente complicanze vascolari, tra cui l’ischemia acuta dell’arto, che è attesa con una frequenza 4 volte superiore che in soggetti che non hanno subito la rivascolarizzazione (1,2).
In combinazione con la necessaria modificazione dello stile di vita ed il controllo dei fattori di rischio (in primis abitudine al fumo, diabete mellito, obesità, ipertensione arteriosa ed ipercolesterolemia), la terapia antipiastrinica forma, da decenni, un presidio insostituibile nella prevenzione secondaria degli eventi cardiovascolari in soggetti con malattia aterosclerotica (3). I farmaci più comunemente impiegati per questa finalità sono Aspirina e Clopidogrel che, in una recente meta-analisi degli studi destinati a testare il loro valore in tale contesto, hanno dimostrato una efficacia simile (4). Tuttavia, nonostante questi presidi, l’evoluzione dell’arteriopatia ed il rischio di eventi cardiovascolari, fatali e non fatali, continua ad essere rilevante.

Studio COMPASS
L’osservazione che l’inibizione dell’attivazione piastrinica mediata dalla trombina, ottenibile con la somministrazione di Vorapaxar, riduce il rischio di ischemia acuta degli arti in soggetti con arteriopatia stabile degli arti inferiori, aveva già suggerito che il rischio di tali complicazioni era modificabile (1). Successivamente alla pubblicazione di uno studio [ATLAS ACS-2 TIMI 51 (Anti-Xa Therapy to Lower Cardiovascular Events in Addition to Standard Therapy in Subjects With Acute Coronary Syndrome ACS 2–Thrombolysis In Myocardial Infarction 51)] che aveva testato con successo il vantaggio della combinazione di base dosi di Rivaroxaban (2.5 mg due volte al giorno) con Aspirina in soggetti con coronaropatia acuta (5), i promotori dello studio COMPASS (Cardiovascular OutcoMes for People Using Anticoagulation StrategieS) hanno arruolato quasi 30.000 soggetti con vasculopatia aterosclerotica cronica a ricevere questa stessa formulazione terapeutica, Rivaroxaban da solo (5 mg due volte al giorno) o Aspirina a basso dosaggio (6). Lo studio fu interrotto precocemente per il raggiungimento di una significativa superiorità della combinazione di farmaci nei confronti di Aspirina da sola per il raggiungimento di un endpoint combinato comprensivo di infarto miocardico, stroke e mortalità cardiovascolare, che risultò ridotto del 24%. Benchè il rischio emorragico risultasse superiore nei soggetti assegnati alla combinazione di farmaci rispetto ad Aspirina da sola, la frequenza di emorragie critiche e fatali era simile e, comunque, il beneficio clinico netto continuava a privilegiare nettamente la combinazione farmacologica (6). Rivaroxaban da solo non dimostrava alcun vantaggio nei confronti di Aspirina, limitandosi ad accrescere il rischio emorragico. Era l’inizio di una nuova era. La combinazione di un inibitore del Xa a basse dosi con basse dosi di Aspirina si rivelava, tra tutti i provvedimenti antitrombotici sin qui testati, quello associato alle prospettive più favorevoli, con un rischio emorragico contenuto, in tutti gli individui con vasculopatia aterosclerotica stabile, comprensivi di coronaropatici, soggetti reduci da ischemie cerebrali di differente tipologia e severità ed arteriopatici.

COMPASS PAD
Successivamente la ricerca si è indirizzata verso i sottogruppi del COMPASS, a partire dagli arteriopatici (COMPASS PAD). Una prima indagine ha esaminato i risultati ottenuti in un sottogruppo di 7470 pazienti con arteriopatia periferica (carotidea o degli arti inferiori) (7). La combinazione Rivaroxaban/Aspirina si rivelava in grado non solo di ridurre del 28% il rischio del medesimo endpoint composito del COMPASS, ma anche -e soprattutto- di ridurre del 46% il rischio di eventi ischemici acuti a carico degli arti inferiori, comprensivi delle amputazioni (Figura 1).

 

Non sorprendentemente, i risultati hanno trovato piena conferma in una sub-analisi successiva, destinata ai soli 4129 soggetti con arteriopatia sintomatica degli arti inferiori, in cui la combinazione farmacologica appariva in grado di determinare, nei confronti dell’Aspirina da sola, una riduzione assoluta del 4.2%, computata a 30 mesi, sia degli eventi cardiovascolari maggiori che degli eventi ischemici acuti a carico degli arti inferiori, comprensivi delle amputazioni (8).

VOYAGER PAD
Erano maturi i tempi per testarne il valore negli arteriopatici reduci da procedure di rivascolarizzazione. E’ quanto hanno fatto gli artefici del VOYAGER PAD (Efficacy and Safety of Rivaroxaban in Reducing the Risk of Major Thrombotic Vascular Events in Subjects With Symptomatic Peripheral Artery Disease Undergoing Peripheral Revascularization Procedures of the Lower Extremities), un trial clinico randomizzato in doppio-cieco controllato eseguito in 34 paesi (9). 6564 pazienti reduci da recente rivascolarizzazione degli arti inferiori conseguente a malattia aterosclerotica sono stati randomizzati a ricevere la combinazione Rivaroxaban/Aspirina testata nel COMPASS o Aspirina da sola e sono stati seguiti fino a tre anni dall’arruolamento. L’endpoint primario di efficacia (rappresentato dalla combinazione di ischemia acuta degli arti, amputazione maggiore per cause vascolari, infarto miocardico, ictus ischemico e mortalità cardiovascolare) si verificò nel 15.5% dei soggetti randomizzati alla combinazione Rivaroxaban/Aspirina e nel 17.8% di quelli assegnati all’Aspirina da sola, pari ad una incidenza cumulativa a tre anni rispettivamente di 17.3% e 19.9% (HR=0.85; 95% CI: 0.76-0.96) (Figura 2).

 

Complicanze emorragiche maggiori, valutate in base alla classificazione TIMI, si verificarono più frequentemente tra i soggetti assegnati alla combinazione di farmaci (2.7% vs 1.9%), ma la differenza non raggiunse la significatività (HR=1.43; 95% CI: 0.97- 2.10). E’ interessante il rilievo, emerso da una più recente sub-analisi del VOYAGER PAD, che l’efficacia della combinazione di farmaci sull’Aspirina da sola si manteneva anche nel sottogruppo di soggetti a cui, nei primi mesi, era stato prescritto anche Clopidogrel (10). Trattasi di un risultato rilevante della ricerca clinica che, facendo seguito alle indicazioni del COMPASS in soggetti con vasculopatia aterosclerotica (6) e del COMPASS PAD in soggetti con arteriopatia degli arti inferiori (7,8), estende i vantaggi dell’associazione di Rivaroxaban a basse dosi con Aspirina ai vasculopatici reduci da recente rivascolarizzazione degli arti. Il prezzo da pagare è un incremento, sia pure lieve, del rischio di emorragia maggiore nei confronti dell’Aspirina da sola, che conferma quello riscontrato nel COMPASS (6). Cautela si richiede, pertanto, nei soggetti a superiore rischio emorragico. In conclusione, nei soggetti con manifestazioni cliniche di arteriopatia degli arti inferiori di natura aterosclerotica, sono maturate le circostanze per considerare, a fianco dei comuni provvedimenti di natura medica o chirurgica, la combinazione di Rivaroxaban a basse dosi (2.5 mg due volte al giorno) con Aspirina in sostituzione dei presidi antipiastrinici sin qui adottati. Data la prevalenza di questa malattia ed il potenziale impatto in termini sociali, oltre che clinici, di un provvedimento farmacologico così favorevole, è auspicabile che anche questa formulazione di Rivaroxaban si renda quanto prima disponibile in regime di libera prescrivibilità.

Paolo Prandoni
Fondazione Arianna Anticoagulazione
Bologna

 

Capire la sindrome dell'intestino irritabile post-infezione: Un grande studio basato sulla popolazione

Berumen A, et al. Mayo Clinic febbraio 2021

 

Le infezioni gastrointestinali (GI) sono estremamente comuni negli Stati Uniti, con 1 americano su 6 che riporta un episodio di malattia di origine alimentare ogni anno. Campylobacter è la causa più comune di gastroenterite batterica negli Stati Uniti. Ma alcuni pazienti sviluppano una condizione poco compresa caratterizzata da sintomi cronici GI della sindrome dell'intestino irritabile, conosciuta come sindrome dell'intestino irritabile post-infezione (PI-IBS).

Metodi di studio

Il team di ricerca della Mayo Clinic ha studiato i dati di sorveglianza dettagliata e acuta che includeva una grande coorte basata sulla popolazione di pazienti con campylobacter confermato in laboratorio.

Da questa coorte, hanno identificato 3.586 pazienti di età compresa tra 18 e 80 anni che hanno sperimentato una nuova insorgenza di sintomi GI.

Risultati

questo studio mostra che 1 su 5 pazienti con diagnosi di infezione da campylobacter ha sviluppato PI-IBS.

Tra i 1,667 intervistati, 249 (14.9%) avevano IBS prima di avere l'infezione da campylobacter, e il restante 1,418 non aveva IBS preesistente.

"I nostri dati dimostrano che 1 su 5 di coloro a cui è stata diagnosticata un'infezione da campylobacter, la causa più comune di gastroenterite batterica, può sviluppare sintomi gastrointestinali cronici di sindrome dell'intestino irritabile", "La maggior parte di questi pazienti ha diarrea e costipazione alternate o solo diarrea".

Nel complesso, tra gli intervistati con IBS preesistente, 38% ha avuto una maggiore frequenza di dolore addominale dopo l'infezione da campylobacter. "I pazienti che avevano la IBS prima dell'infezione possono sperimentare un peggioramento del dolore e cambiamenti nella stipsi verso la diarrea o abitudini intestinali miste", "Inoltre, alcuni pazienti possono sperimentare solo irregolarità intestinali senza dolore in seguito a tali infezioni".

Conclusioni e prossimi passi

Si ritiene che i risultati dello studio aiutino a dipingere un quadro più chiaro di una condizione poco compresa. Questo studio basato sulla popolazione ha dimostrato un alto rischio di sviluppo di PI-IBS tra i casi sporadici di campylobacter.

 

 

Un malato di cancro su tre ha limitazioni nella funzione cardiaca: è così che puoi limitare il danno

Dott. Susanne Heinzl  Medscape apr.2021

 

La diagnosi precoce e il trattamento dei possibili effetti cardiotossici della terapia oncologica è di fondamentale importanza. Nel trattamento della disfunzione cardiaca, tutte le opzioni dovrebbero essere esaurite, anche per poter continuare il trattamento del cancro. Ciò è stato sottolineato dal Dr. Dominik Berliner , Clinica di Cardiologia e Angiologia presso la Scuola di Medicina di Hannover, all'incontro annuale virtuale della German Cardiac Society (DGK) [ 1 ] .

Se si riscontrano effetti cardiotossici subclinici, deve essere preso in considerazione l'uso profilattico di ACE-inibitori e / o beta-bloccanti. L'insufficienza cardiaca sintomatica o asintomatica deve essere trattata secondo le attuali linee guida.

La cardiotossicità peggiora la prognosi del cancro

Berliner ha sottolineato che, da un lato, i progressi nella terapia del cancro negli ultimi anni hanno notevolmente migliorato le possibilità di sopravvivenza dei pazienti, ma d'altro canto, i benefici clinici delle terapie tumorali sono spesso limitati da effetti collaterali cardiovascolari.

Perché molti approcci terapeutici oncologici hanno effetti sul sistema cardiovascolare, diretti o indiretti, acuti o ritardati e prognosticamente rilevanti, ma con meccanismi spesso non completamente compresi.

Esistono 2 definizioni per il termine cardiotossicità, vale a dire nel senso di un termine generale per effetti collaterali cardiovascolari e come descrizione di danno o diminuzione della funzione ventricolare sinistra. La funzione cardiaca è compromessa in circa un terzo dei pazienti oncologici. Circa il 3% soffre di gravi effetti cardiotossici con un marcato peggioramento della prognosi.

Numerosi farmaci oncologici possono influenzare la funzione del cuore. Gli effetti cardiotossici associati alla terapia con antracicline sono particolarmente comuni.

Numerosi fattori di rischio

È importante prima chiarire quali pazienti sono a maggior rischio di effetti cardiotossici, come questi possono essere riconosciuti precocemente e quali strategie possono essere utilizzate per ridurre al minimo il rischio prima o durante la terapia.

Esistono numerosi fattori che aumentano il rischio di effetti cardiotossici derivanti dalla terapia. Questi includono: vecchiaia, fumo, elevato consumo di alcol, stile di vita inattivo, numerose comorbidità (ad esempio diabete, disturbi del metabolismo lipidico, ipertensione, disfunzione renale, obesità o malattie polmonari).

I fattori di rischio correlati alla terapia sono, ad esempio, la precedente terapia con antracicline o le radiazioni. Una malattia cardiovascolare esistente e la posizione del cancro (in particolare pancreas, cervello, stomaco, reni, polmoni, linfomi o mielomi) possono anche aumentare il rischio cardiotossico.

In un position paper , esperti del gruppo di studio cardio-oncologico dell'ESC, in collaborazione con la società cardio-oncologica internazionale, hanno sviluppato fattori di rischio per le varie terapie oncologiche e li hanno riuniti in una tabella.

Trattamento dell'angina: A che punto siamo?

Balla C. - Pavasini R. - Ferrari R. ez al. Cardiology 2018;140:52-67 Karger Basilea

 

La cardiopatia ischemica è una delle principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo, mentre l'angina ne rappresenta il sintomo più comune. Si stima che circa 9 milioni di pazienti negli Stati Uniti soffrano di angina e il suo trattamento è impegnativo, quindi la strategia per migliorare la gestione dell'angina cronica stabile è una priorità. L'angina può essere il risultato di diverse patologie, dall'ostruzione "classica" di una grande arteria coronaria all'alterazione della microcircolazione o allo spasmo delle arterie coronarie. Le attuali linee guida cliniche raccomandano una terapia antianginosa per controllare i sintomi, prima di considerare la rivascolarizzazione delle coronarie. Nelle attuali linee guida, i farmaci sono classificati come trattamento di prima scelta (beta-bloccanti, calcio-antagonisti e nitrati a breve durata d'azione) o di seconda scelta (ivabradina, nicorandil, ranolazina, trimetazidina), con la raccomandazione di riservare le modifiche di seconda linea ai pazienti che hanno controindicazioni agli agenti di prima scelta, non li tollerano, o rimangono sintomatici. Tuttavia, un tale approccio categorico è attualmente messo in discussione. Inoltre, le attuali linee guida forniscono pochi suggerimenti per guidare la scelta dei farmaci più adatti in base alla patologia di base o alle comorbidità del paziente. Diverse altre domande sono emerse di recente, come ad esempio: ci sono dati basati sull'evidenza tra i trattamenti di prima e seconda linea in termini di prognosi o di sollievo dei sintomi? In realtà, sembra che i nuovi farmaci antianginosi, che sono classificati come seconda scelta, abbiano più dati clinici basati sull'evidenza che sono più attuali per sostenere il loro uso rispetto a quello che è disponibile per i farmaci di prima scelta. Ne consegue che le attuali linee guida sono basate più sulla tradizione che sull'evidenza e c'è bisogno di nuovi algoritmi che siano più individualizzati per i pazienti, le loro comorbidità e il meccanismo fisiopatologico dell'angina cronica stabile.